Anche i fallimenti sono importanti per costruirci una Buona Vita

Il fallimento può avere aspetti positivi? Eccome! Lo sostiene J.K. Rowling, l’autrice della saga di Harry Potter, nel libricino “Buona vita a tutti – I benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione”. Il testo riprende il famoso discorso che la scrittrice tenne nel 2008 di fronte ai laureandi di Harvard. In poche pagine sono raccolti i passaggi che le hanno consentito di passare attraverso esperienze non edificanti ma avendo in mente, chiaro come un faro, l’obiettivo preciso che l’ha portata fuori dal momento di crisi che stava vivendo. E con un successo planetario!

Il fallimento, racconta la Rowlig, “mi costrinse a eliminare tutto il superfluo e a concentrare le energie per portare a termine l’unico lavoro che mi stava a cuore: quello di scrittrice“.

 

“E’ impossibile vivere senza fallire in qualcosa, a meno di vivere così prudentemente che tanto varrebbe non vivere affatto…nel qualcaso si fallirebbe in partenza”.

 

Nella seconda parte del famoso discorso, la Rowling parla dell’importanza dell’immaginazione che “non è soltanto la capacità unicamente umana di figurarsi ciò che non esiste, e di conseguenza la fonte di ogni invenzione e innovazione ma è la forza che ci consente di provare empatia per essere umani di cui non abbiamo mai condiviso le esperienze“.

 

E questo consente di metterci nei panni di altre persone, soprattutto dei più deboli, per dare voce a chi non ha voce.

La “mamma” del maghetto più famoso del mondo ci ricorda che “non occorre la magia per trasformare il mondo. Dentro di noi abbiamo già tutto il potere che ci serve: il potere di immaginarlo migliore“.

 

Il suo messaggio positivo rende questo libro un ottimo regalo di Natale soprattutto per chi ha bisogno di un po’ di fiducia in se stesso.