Educare al femminismo, il vero regalo per le donne di domani

Ho letto con avidità il libro di Iria Marañòn la scrittrice spagnola autrice di “Educare al femminismo” e ogni volta che lo riapro sottolineo una nuova frase e trovo nuovi spunti per riflettere. La panoramica di stereotipi che l’autrice ci presenta accompagnano ancora la nostra vita in modo subdolo e rischiano di segnare in negativo anche quella dei nostri figlie e delle nostre figlie. Stereotipi che, se non impariamo a conoscere e decostruire, formeranno le donne e gli uomini di domani uguali alle donne e agli uomini di ieri. E allora, per non rovinare anche le future generazioni occorre indossare le “lenti viola” ovvero “guardare il mondo attraverso il filtro femminista“.

“Femminismo è una parola che mette a disagio, e che molte donne, pur dotate di coscienza, impegnate nella giustizia sociale e con posizioni decisamente femministe, si rifiutano di usare. Abbiamo talmente interiorizzato la sottomissione che censuriamo e boicottiamo noi stesse la nostra lotta”.

Dopo aver ripercorso la storia e l’evoluzione del femminismo, l’autrice si sofferma sull’educazione dei bambini e suggerisce test ed esercizi per mettere alla prova i nostri metodi educativi.

Ognuna di noi troverà rispondenze nella propria storia personale e sono sicura che con le “lenti viola” sarà più facile capire la gravità di semplici atteggiamenti che ci sono sempre sembrati normali.

Un libro utile sotto molti punti di vista soprattutto per chi si ritiene sempre nel giusto, per chi trova esagerato parlare ancora di femminismo, per chi crede che le donne possano smettere di lottare per un mondo più equilibrato.

La scheda libro

Educare al femminismo

di Iria Marañòn

Salani Editore