Fra me e te, di Marco Erba, un libro perfetto per i nostri ragazzi

copertinaErba

La trama è molto bella ed emozionante ma noi non la raccontiamo. Saliamo di un piano e guardiamo dall’alto questa fedele fotografia di una generazione di adolescenti rappresentata da Edo e Chiara, stesso liceo, stessa vita quotidiana tra interrogazioni, bulli, maestre di vita, scout e facebook. Una città di provincia, brutta o bella a seconda degli stati d’animo dei protagonisti che vivono la stessa tenera goffaggine nel gestire i primi amori. La sordità rispetto ai genitori, agli amici e al resto del mondo che ha imparato a riconoscere il male prima di te.

Il conflitto tra il corpo che cambia più velocemente della testa e confonde la visuale. La rabbia derivante dal pregiudizio (prima di tutto verso se stessi) che viene sfogata contro i genitori e i professori, contro il “diverso” di turno o contro una vetrina fino a quando non viene spenta dalla capacità di guardare oltre l’apparenza, oltre la razza, oltre i social. Oltre.

“Fra me e te”, lo dicono spesso i protagonisti, nelle loro storie che si sviluppano in parallelo. Diversi ma uguali nello sforzo proteso ad allineare il loro sentire al loro essere.

I pensieri di Edo e il diario di Chiara sono il viaggio che entrambi affrontano per incontrare se stessi perché quando potranno dire “è tutto più chiaro fra me e me” allora potranno dire “ho chiuso l’abisso Fra me e te”.

 

P.S: Non so voi ma io, forse perché sono di…parte, ho trovato che la parte bella di Cordaro somigli a Cernusco (dove anch’io abito): il canale, i parco con i germani, la festa di marzo e la piazza del comune con le bancarelle di animali e poi… il bruco e la farfalla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *