Il comodino di…Angelo Rocchi, sindaco di Cologno Monzese

comodino RocchiRocchi

Architetto, diplomato in armonia funzionale, arrangiamento, composizione e chitarra jazz, Angelo Rocchi, sindaco di Cologno Monzese, ha insegnato armonia e strumento. Fa parte dell’Orchestra Plettro Città di Milano e suona il mandoloncello (versione a plettro del violoncello).

BCM – Sindaco, architetto e musicista. Trova il tempo di leggere?

ROCCHI – Si, leggo la sera per rilassarmi. Adesso sto leggendo “Il bordo vertiginoso delle cose” di Carofiglio e mi sta piacendo molto.

BCM – Se deve comprare un libro su che scaffali si orienta?

ROCCHI – Diretto verso la musica. Biografie di musicisti, libri fotografici, storia della musica. Questo è sicuramente è il mio interesse principale.

BCM – Qual è il libro che le è rimasto dentro?

ROCCHI – “On the road”, di Kerouak. L’ho letto solo tre anni fa e l’ho già riletto. Tratta temi che mi appartengono: la musica, la libertà, l’innovazione culturale che ha spianato la strada alla mia generazione.

BCM – Cosa leggeva da bambino?

ROCCHI – Fumetti: Braccio di Ferro, Trinchetto, Soldino, Geppo.

BCM – Oltre alla musica, ha altre passioni?

ROCCHI – La storia dell’arte, l’interazione tra le forme artistiche, le relazioni tra le arti visive.

BCM – Legge su carta o e-book?

ROCCHI – Carta, alla vecchia maniera.

BCM – Qual è l’ultimo libro che ha comprato?

ROCCHI – Un libro sugli estratti di frutta e verdura che rafforzano il sistema immunitario. Funzionano davvero!

 

Rispondi