Il comodino di Flavia Todisco, insegnante e scrittrice

  1. untitled (12) untitled (11)

Flavia Todisco*, insegnante di lettere, ha appena pubblicato una raccolta di racconti “Senza scontrino non si esce”. Per Quisilegge Flavia ha costruito il suo impegnativo comodino.

QSL – Flavia quanti libri sul tuo comodino… Partiamo dal “pilastro” che regge gli altri. Le opere di Rousseau.

TODISCO – E’ la mia formazione universitaria, i fondamenti della cultura occidentale: il Patto Sociale, le parole libertà, uguaglianza, tolleranza e il loro significato. Adoro la stagione dell’Illuminismo!

QSL – Il secondo libro è Le religioni sono tutte sorelle, del Dalai Lama.

TODISCO – Il Dalai Lama è importante come il Papa, è un uomo di pace.

QSL – Ipazia, di Silvia Ronchey è il terzo libro.

TODISCO – E’ la storia di una grande filosofa, una grande donna scomoda, uccisa per le sue idee. Dobbiamo sempre ricordare e rendere omaggio a chi ha avuto il coraggio di lottare prima di noi per idee e diritti.

QSL – La Locandiera di Goldoni, teatro…

TODISCO – Si, sono appassionata di teatro e sto scrivendo per il teatro. Mirandolina, la protagonista, è una donna che si autodetermina, quindi modernissima.

QSL – La visita della vecchia signora, di Dürrenmatt.

TODISCO – E’ la storia di una donna ostracizzata dalla società perché nullatenente ma sposando un uomo facoltoso diventa ricercatissima. Chiede un omicidio che molti sono disposti a commettere per soldi. E’ il trionfo dell’ipocrisia e del cinismo della gente.

QSL – Vita di Galileo, di Brecht.

TODISCO – Grande testo drammaturgico. Galileo è l’origine del nostro libero pensiero, della modernità, dell’occidente. Ci ha fatto scoprire l’infinito. Raccoglie il testimone dell’Ulisse dantesco, è l’uomo della conoscenza.

QSL – La cerimonia del massaggio, di Bennet

TODISCO – Si parla di un funerale cui partecipano molte persone, uomini e donne, che avevano avuto “a che fare” con il defunto. E’ un romanzo esilarante, ci offre uno sguardo canzonatorio sulla vita.

QSL – Atti osceni in luogo privato, di Marco Missiroli

TODISCO – E’ uno dei romanzi più belli che abbia mai letto. E’ la storia di Libero che, attraverso l’iniziazione affettiva, diventa uomo. C’è la conflittualità tipica dell’adolescenza che ha il coraggio di guardare le proprie debolezze. Il personaggio è positivo perché accetta di costruire la sua adultità.

QSL – Trilogia delle città di K, di Kristof.

TODISCO – Questo è un capolavoro che avrei voluto scrivere io! Una scrittura asciutta e dura che priva il lettore di qualsiasi certezza.

QSL- Espiazione, di McEwan.

TODISCO – E’ la storia di una ragazza che diventerà scrittrice. Convinta di aver assistito a una violenza, si accorgerà solo in tarda età di aver sbagliato. La scrittura sarà lo strumento per riconciliare se stessa e tutti i personaggi con la verità.

QSL – Memorie di Adriano, di Marguerite Yourcenar.

TODISCO – Un romanzo storico, intimo. Un omaggio alla cultura, alla vecchiaia, alla saggezza.

QSL – Il giorno prima della felicità, Erri de Luca.

TODISCO – E’ il più bel romanzo sulla Resistenza. E’ la storia di un’iniziazione. Lui scrive divinamente. Scolpisce le frasi.

QSL – A questo punto troviamo una triade di Amelie Nothomb…

TODISCO – Tutta da leggere. Adoro la sua scrittura. E’ un genio. Ammiro il suo humor. Ogni volta che viene in Italia io faccio il possibile per andare ad ascoltarla. E’ una donna sensibile. Le ho scritto, lei mi ha risposto personalmente e scrivendo a mano. I suoi romanzi sono “bombe culturali e sociali”.

QSL – Le Beatrici, di Stefano Benni.

TODISCO – Sono monologhi anche rappresentati in teatro. Ironia, stile, intelligenza, leggerezza. Lui sa giocare con la cultura.

QSL – La seduzione dell’altrove, di Dacia Maraini

TODISCO – Una grande scrittrice, letta, riletta e amata. Questo è un libro di brevi racconti sui propri viaggi, sulla seduzione dell’altrove geografico, sula curiosità dell’altro da noi.

QSL – Chiudiamo con Sette brevi lezioni di fisica, di Rovelli.

TODISCO – E’ una lettura di quest’estate. Io ho una formazione umanistica e mi sono avvicinata alla fisica quantistica, al relativismo culturale, temporale. E’ scritto divinamente. Un sguardo diverso ma il fil rouge è lo stesso: tutti indaghiamo le stesse cose, diamo letture e risposte diverse ma tutti stiamo costruendo lo stesso pianeta.

 

 

cop (2)

Senza scontrino non si esce è una raccolta di racconti in cui ogni personaggio, per riconciliarsi con la vita, con se stesso, per superare una sofferenza o per crescere, deve “pagare” il suo scontrino.

“La nostra vita segue un disegno anche se io credo nel libero arbitrio – spiega l’autrice – ma forse non c’è solo una vita e forse non c’è nemmeno una sola dimensione”.

I racconti sono divisi in due stagioni, l’inverno (i protagonisti tentano di superare momenti difficili) e la primavera (i protagonisti vivono con più leggerezza). L’ultimo racconto “Favelle altrui” è un omaggio alle parole.

“Sono il veicolo della nostra visione del mondo – spiega l’autrice – se usassimo bene le parole avremmo un mondo migliore”.

Flavia Todisco sarà ospite della Bottega del Libro, via Bourdillon 11 – Cernusco sul Naviglio, sabato 12 dicembre alle ore 17.00

 

*Flavia Todisco, nata e vissuta a Milano, si è poi trasferita con la propria famiglia a Verona, dove ha compiuto gli studi classici. A diciannove anni è tornata a Milano per ritrovare le proprie radici e per laurearsi in Lettere, dopo un soggiorno di studi a Parigi.

Nel corso degli anni ha collaborato con alcuni periodici dell’hinterland milanese, redigendo articoli culturali e di cronaca cittadina. Nel 1988 ha pubblicato, per i tipi di Gabrieli Editore, Schegge, una raccolta di liriche.

Attualmente insegna Lettere in un Istituto di Istruzione Secondaria Superiore.

Ammaliata fin dalla più tenera età dalle facoltà espressive e introspettive della parola scritta, dopo avere intrapreso differenti percorsi professionali, negli ultimi anni è tornata alla scrittura, dedicandosi, in particolare, alla stesura di racconti brevi, alcuni dei quali vedono finalmente la luce, in veste editoriale, per i tipi di Robin Edizioni.

Da quando è tornata a scrivere, è felice.

 

Rispondi