Il comodino di…Matteo Gerli, Enjoy Sport

comodinoGerligerli

Matteo Gerli è gestore e costruttore di impianti sportivi nonché consulente nel settore sportivo. E’ uno dei tre soci di Enjoy Sport, eccellenza della Martesana e non solo. Matteo è un inguaribile ottimista in grado di regalare una carica di positività a chiunque gli stia vicino. Per questo, a nostro parere, la definizione che più gli si addice è “manager della felicità”. 

QSL – Sul tuo comodino due libri. Da quale partiamo?

GERLI – Partiamo da “Il delfino e le onde della vita”, di Sergio Bambarèn. Ho letto e riletto tante volte la prima edizione, “Il delfino”; l’ho regalato a tante persone e il mio l’ho prestato a tanti amici. L’originale non è più tornato indietro e allora mi sono comprato la seconda edizione, leggermente rivista.

QSL – Perché è stato così importante?

GERLI – L’ho letto a vent’anni. Allora pensavo solo allo sport. Ma questo libro parlava di sogni, incitava a inseguire i propri sogni. “Se sei convinto di quello che fai, niente ti  può fermare”, su questo mantra ho impostato la mia vita e a 20 anni, quando mi hanno proposto di gestire la piscina comunale ho detto si d’istinto. Inseguendo un sogno è nato il progetto Enjoy.

QSL – L’altro libro sul comodino è “Nati per muoverci” di Nerio Alessandri. E’ la storia della Tecnogym…

GERLI – Si e non volevo leggerlo. Mi è stato consigliato dal mio socio anche se la recensione con cui me l’ha passato non faceva pensare a niente di eccezionale, “autocelebrativo”, mi ha detto. Poi ho iniziato a leggere la prefazione e solo per quella ne è valsa la pena. Nell’esperienza di questo manager ho ritrovato concetti  in cui credo fermamente, il successo te lo devi cercare e guadagnare, devi creare le condizioni perché si avverino i progetti in cui credi.

QSL – Tu e i tuoi soci nel progetto Enjoy ci avete creduto davvero. Siete partiti dallo sport e ora il progetto è a 360 gradi…

GERLI – Si, lo sport  è solo la base. Il benessere fisico e psichico dei nostri utenti è la nostra mission. E’ mettendoci dalla parte dell’utente che ci siamo arrivati.  A volte basta davvero questo per avere le risposte a tutte le nostre domande e poter prendere le decisioni necessarie a implementare i nostri servizi. Non è complicato, bisogna crederci.

QSL – Dunque sport, riabilitazione, un progetto educativo (Enjoy School) e anche un angolo dedicato alla lettura.

GERLI – L’idea dell’angolo del bookcrossing è venuta dall’iniziativa “Enjoy sei tu”, una raccolta di idee tra i nostri utenti. Le nostre collaboratrici hanno creato questo angolo bellissimo e molto apprezzato in cui abbiamo raccolto numerosi libri che ora sono a disposizione di tutti.

QSL – In una battuta, cosa ti ha insegnato l’esperienza di Enjoy?

GERLI – La verità ti rende libero.

Rispondi