Il professore nano: la vita, il caso, la dignità, nel nuovo romanzo di Enrico Ruggeri

Il professore nano è un piccolo gioiello della casa editrice La nave di Teseo.

L’autore, Enrico Ruggeri, non ha bisogno di presentazioni anche se, forse, non tutti sanno che scrive libri, oltre a bellissime canzoni.

Il professore nano è la storia di Antonio Palma, detto Toni,  insegnante di matematica, alto solo un metro e 32 centimetri. Pochi per renderlo attraente, abbastanza per fargli guadagnare, grazie una brillante personalità, un dignitoso posto se non nel mondo, almeno nella scuola in cui insegna.

Il testo è breve ma intenso, come una canzone che, in tre minuti, è capace di raccontare un mondo.

In effetti Il professore nano racconta un mondo, anzi più mondi, i nostri, pieni di amori, amicizia, rivalità, invidia e compassione.

E come in tanti microcosmi, anche nella scuola media Tito Livio si insegna, si ama, si soffre. Nella sala professori pascola anche Giorgio, l’opposto di Toni: insegnante di ginnastica, alto, atletico, un bel contenitore ma “una vita interiore leggera come carta velina“.

Toni è innamorato di Clelia che è innamorata di Giorgio che non è innamorato di Clelia.

Toni con intelligenza, ironia e sensibilità riesce a ricavarsi un ruolo da “confidente” nella vita piuttosto squallida di Clelia finendo per sorbirsi tutti i lamenti di una donna che ama la persona sbagliata. A Toni non resta che accontentarsi della prima fila per guardare un film di cui non è protagonista.

Ma la vita è capace di sorprendere e tutto cambia quando a scuola arriva la troupe della trasmissione televisiva “L’Italia di oggi“, un programma-contenitore che, come molti format realmente in onda, ricorda il sacco per la raccolta indifferenziata dei rifiuti: ci butti dentro di tutto e a volte, spesso involontariamente, anche qualcosa di prezioso. Per la tv non sembra vero avere un professore nano da intervistare, la sua vicenda umana sicuramente può far salire compassione e ascolti.

E così succede. Toni viene intervistato ed è come se una lente di ingrandimento venisse appoggiata sul suo cuore e sul suo cervello. Gli astanti prima, gli spettatori poi, si accorgono della “grandezza” d’animo di Toni, la loro compassione non è pena ma attenzione e la parola “successo” da participio passato si trasforma in sostantivo. 

Toni diventa una persona famosa, portandosi dietro “dignità e cultura“. E saranno gli altri a cambiare, chi in bene, chi in male. Non lui.

“Il successo cambia molto più buscamente le persone che stanno vicino a chi lo ha ottenuto che non il protagonista della scintillante metamorfosi…”

Anche Clelia si accorgerà finalmente di Toni e pretenderà le attenzioni che avrebbe potuto avere se solo avesse saputo guardare davvero quell’uomo. Sarà troppo tardi?

Con gentilezza ed efficacia, Il professore nano ci suggerisce una riflessione sulla nostra fragilità di fronte alla vita che prende una piega inaspettata per caso e per caso diventa capace di darci, con gli interessi,  quello che è capace di toglierci. E viceversa, naturalmente.

La fragilità più inquietante messa a fuoco dal racconto di Enrico Ruggeri è, a mio parere, quella dello spettatore no, non dello spettatore televisivo, ma di colui che vive da spettatore, che si accontenta di guardare e non vedere perchè non ha tempo per approndire o non ne ha voglia o è troppo stupido per farlo. Chi vive da spettatore non si prende neanche la briga di cambiare canale, aspetta che qualcuno lo faccia al posto suo come Clelia, per esempio, che, pur avendo in mano il telecomando, sceglie di continuare a guardare il film sbagliato.

Ruggeri è bravissimo da una parte a disegnare, con poche pennellate, i protagonisti del suo romanzo, dall’altra a inchiodarci davanti alla nostra incapacità di produrre pensiero autonomo. E lo fa con leggerezza, che non è affatto sinonimo di superficialità.

Per tutto questo, Il professore nano è come l’essenza di un profumo: basta poco per lasciare una traccia persistente. 

La scheda libro

Il professore nano

di Enrico Ruggeri

La Nave di Teseo +

Il professore nano