Le donne erediteranno la terra, di Aldo Cazzullo

libro-cazzullocazzullo1

Le donne erediteranno la terra e il nostro sarà il secolo del sorpasso. Perchè? Lo spiega Aldo Cazzullo attraverso un percorso storico che ci fa capire con quanta sofferenza e sacrifici le donne abbiano cercato, nei secoli, di dimostrare il loro valore in tutti i campi: in guerra, in politica, in famiglia.  E forse, adesso, ci sono riuscite. Se è vero, come ha insegnato Rita Levi Montalcini, “che non esiste differenza tra il cervello dell’uomo e quello della donna”, è vero anche che il sopravvento maschile, perchè di sopravvento si tratta, sta per essere decostruito nonostante sia frutto di culture e religioni millenarie.

Il mondo adesso è nelle mani della “generazione Hermione”, sostiene l’autore, di quelle ragazze che, come la protagonista femminile di Harry Potter, “sono secchione, ambiziose, capaci di prendersi le proprie responsabilità e di porre rimedio agli errori dei maschi”, ragazze che coltivano il loro talento sino a conquistare la leadership. E se prima dovevamo cercare col lanternino le donne meritevoli di finire sui libri di storia, adesso è il momento delle donne ai vertici della politica e ai vertici delle aziende anche se, per far valere i nostri meriti, siamo costrette ad avvalerci delle quote rosa, chissà per quanto tempo ancora.

“Le donne erediteranno la terra  – scrive Cazzullo – perchè sanno preservare e la terra deve essere preservata. Le donne non guardano soltanto all’oggi ma al domani, hanno a cuore il futuro, i figli, i nipoti e il mondo che li attende”.

Sono parole di un uomo che non ha paura di scrivere anche “Voi donne siete meglio di noi. Non pensiate che gli uomini non lo sappiano: lo sappiamo benissimo, e sono millenni che ci organizziamo per sottomettervi, spesso con il vostro aiuto. Ma quel tempo sta finendo. E’ finito. Comincia il tempo in cui le donne prenderanno il potere”.

Forse sarà il secolo del sorpasso ma noi ci accontenteremmo che questo fosse il secolo delle pari opportunità.

 

Paola Malcangio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *