“Io leggo perché” raccontato da una Messaggera

Io leggo perchè 2017
Messaggera di #ioleggoperche

“Io leggo perché” aiuta le biblioteche scolastiche.

Come possiamo aiutare le biblioteche scolastiche ad arricchirsi di volumi e a “svecchiarsi”? Basta aderire, dal 21 al 29 ottobre 2017, alla terza edizione di Io leggo perché“, la più grande iniziativa nazionale di promozione del libro e della lettura organizzata dall’Associazione Italiana Editori con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo (MiBACT) e della Rai, del Centro per il libro e la lettura (Cepell) e in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (MIUR), l’Associazione Librai ItalianiConfcommercio (ALI) e l’Associazione Italiana Biblioteche (AIB).  Una novità di quest’anno è la possibilità di partecipare offerta anche alle scuole dell’infanzia oltre che alle scuole primarie e secondarie di primo e di secondo grado, statali o paritarie. Non solo: le scuole potranno partecipare a un contest e le 5 migliori si aggiudicheranno 2.000 euro in libri.

 

La locandina degli eventi di Cernusco sul Naviglio

Il mio compito di Messaggera

Per il secondo anno consecutivo sono Messaggera ufficiale di “Io leggo perché”. Sapete cosa fanno i Messaggeri? Si fanno letteralmente in quattro per promuovere l’iniziativa sul territorio e convincere il più alto numero di cittadini ad acquistare un libro, magari proprio per la scuola dei propri figli. Nella mia città, Cernusco sul Naviglio (Mi), insieme alla rete culturale del territorio, abbiamo organizzato un ricco calendario di eventi: incontri con autori sia in libreria sia a scuola, laboratori per bambini e ragazzi e apertura di una nuova zona di bookcrossing (a Cernusco ce ne sono 14!) dove i libri possono essere scambiati gratuitamente. L’anno scorso nel mio comune, con una libreria gemellata con 5 scuole, riuscimmo a far acquistare 100 libri poi raddoppiati dagli Editori. Quest’anno, con due librerie gemellate con 7 scuole e tanti eventi, speriamo di fare ancora meglio.

Ho già iniziato a fare la trottola tra radio, scuole, librerie e a postare su facebook, Twitter, Instagram con l’hashtag #ioleggoperche. Ormai indosso la maglietta ufficiale anche per andare a dormire!

 

I numeri di “Io leggo perché” del 2016

L’iniziativa nazionale è imponente. Lo dicono i numeri: nel 2016 sono stati acquistati 62.000 libri e altrettanti ne sono stati regalati dagli Editori. 1417 sono state le librerie che si sono gemellate con 2.408 scuole (ogni libreria può gemellarsi con più di una scuola). 1.500, invece, sono stati i Messaggeri “pronti a tutto” per le biblioteche scolastiche.