I libri di Halloween: mostri, pendole magiche e l’immancabile Harry Potter

Arriva la notte più paurosa dell’anno e noi ci prepariamo con le nostre letture preferite. Scopritele con noi.

P.S. La torta di zucca e amaretti delle nostre foto è una ricetta di Donna Moderna, è senza farina (nonna Carla è celiaca) ed è buonissima!

 

Il libro “pauroso” di mamma Paola: La pendola magica, di John Bellairs, ed. La BUR dei ragazzi (fuori catalogo)

"La pendola magica" è perfetta per Halloween
“La pendola magica” è perfetta per Halloween

Avevo appena iniziato le scuole medie quando mio padre portò a casa questo libro. La copertina mi invogliava alla lettura perchè era inquietante: una mano nella quale era conficcata una candela era disegnata davanti a una casa che sembrava stregata. Iniziai a leggere il libro e lo leggevo avidamente, soprattutto prima di andare a dormire, anche se la storia non mi faceva dormire per niente. Il protagonista de “La pendola magica” è Lewis, un ragazzino che si trova costretto ad andare a vivere da uno zio mago, in una vecchia casa in cui, di notte, si sente il ticchettio di una pendola. Lewis scoprirà che questo orologio segna il tempo di un incantesimo: quando smetterà di battere l’ora, il mondo finirà. Il ragazzo sembra imbranato ma in realtà è molto sveglio e cercherà di rompere l’incatesimo con l’intelligenza e i poteri che scopre di avere (buon sangue non mente) tra i quali quello di resuscitare i morti. Che paura! Ma quella sensazione di essere in pericolo anche dopo aver chiuso il libro mi piaceva, mi piaceva un sacco e avevo solo voglia di continuarne la lettura. La Pendola magica, romanzo gotico, può essere considerato, e a ragione, il precursore della saga di Harry Potter. Credo che la mia passione per i thriller sia nata proprio a quell’età e continua senza flessioni: amo, ora come allora, la sensazione di avere paura mentre leggo, anche se continuo a non dormire.

 

Il libro “pauroso” di Sofia: Il Diario di un cacciatore di mostri, ed. Ape Junior

Il diario di un cacciatore di mostri
In caccia di mostri spaventosamente…buffi

Ho scelto di rileggere questo libro in occasione di Halloween perché l’ho letto quando ero più piccola e mi faceva un po’ ridere e un po’ paura. E’ il diario di un cacciatore di mostri che deve cercarli in giro per il mondo, catturarli per portarli in Inghilterra e, allo stesso tempo, studiarli e descriverne la vita, le caratteristiche e anche le cure in caso di loro attacco. Il libro  ha tantissimi inserti pop up che ci fanno conoscere mostri schifosi ma simpatici dai nomi strampalati: il moscio colamoccio, il ponfo mesto, il caccapeloso. Il mio mostro preferito è il comodone infingardo  perché ha la faccia da coccodrillo.

Quello che mi ha fatto più paura e impressione è l’ulla-ba-blu che si è mangiato un elicottero ma quello che mi fa più ridere è il gargantone che fa la cacca dagli alberi e colpisce, uccidendoli, tutti quelli che gli passano sotto.

 

Per Ranieri ad Halloween non può mancare Harry Potter, ed. Salani

Harry Potter, un classico di Halloween
Harry Potter, un classico di Halloween

Cari lettori, non devo certo raccontarvi la storia del maghetto più famoso del mondo! Volevo, però, parlarvi di come sono entrato in contatto con la saga di Harry Potter. L’ho scoperto in una libreria di Scicli, in Sicilia: in quel periodo mi trovavo in vacanza e, come sempre in vacanza, leggo tantissimo e compro molti libri. Fino ad allora non aveva attirato la mia attenzione ma si vede che il momento era arrivato. La storia di Harry mi piacque così tanto che, dopo averlo finito, non vedevo l’ora di comprarne un altro. Certo leggerlo nel mese di Halloween è tutta un’altra cosa! Adesso, infatti, sto leggendo il numero cinque della saga, gustandomelo.

E un’amica della mamma, Cristina, ogni anno, nel periodo di Halloween, rilegge TUTTA la saga. Questa donna è davvero un mito! Qui trovate la sua intervista.

 

Harry Potter in Sicilia
Estate 2016 – Ho scelto un posto bellissimo per finire il mio primo Harry Potter: il ciliegio dell’Etna (Giarre)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Naturalmente anche Voyager è pronto per Halloween!

Il gatto di casa disturba le foto
Che bella composizione!
Il gatto di casa disturba le foto
Ma qui c’è la mia scala preferita…
Il gatto di casa disturba le foto
Mi spiace Paolo, ma hai finito di fare le foto

 

 

 

 

 

I

 

 

Papà Paolo ha preso la mia scala preferita per fare le foto dall’alto per questo articolo. Io ne ho approfittato e sono salito. Dopotutto la mia razza, norvegese delle foreste, ama arrampicarsi sugli alberi e siccome in questa casa non ce ne sono e in giardino non mi lasciano andare, devo arrampicarmi su quello che trovo.