Quello che ancora non sai di me: una ragazza in crisi, una parrucchiera speciale e un lago magico nel nuovo romanzo di Virginia Bramati

Caterina De Biase è una giovane professoressa calabrese di latino e greco. Prossima al matrimonio con Francesco, bravo ragazzo e fidanzato storico, è attraversata, forse ancora inconsapevolmente, da una strana inquietudine che inizia a manifestarsi quando decide di andare a insegnare al nord. Le viene, così, assegnata una cattedra di lettere a Desenzano, sul lago di Garda, in un istituto alberghiero.

L’allontanamento dalla classica (e simpaticamente ingombrante) famiglia meridionale la mette in contatto con la parte più nascosta di sé, che decide di far capolino durante un taglio di capelli nel salone di Carla, molto più che una parrucchiera. 

Così si legge sul lavatesta:

Si accettano carte di credito, fiori freschi e libri solo se molto amati. I sogni impigliati tra i capelli saranno restituiti all’uscita previo pagamento di un sorriso.”

Il suo negozio è praticamente un mix tra un centro di aggregazione, un gruppo di auto aiuto e un circolo letterario. Qui le clienti non solo si raccontano (Carla è bravissima a farsi dire da loro “quello che ancora non sa”), ma trovano una dolce psicologa-analista-fattucchiera capace di vedere sempre un po’ più in là degli altri. Ed è proprio Carla a capire che tra Caterina e Luca Galimberti, avvocato milanese che presta servizio in una “casa famiglia” per adolescenti, c’è qualcosa che aspetta di sbocciare.

Caterina, Carla e Luca sono le tre voci narranti. Abbiamo così modo di capire ogni sfumatura degli accadimenti proprio perché raccontati in prima persona da tutti e tre i protagonisti.

Attraverso le loro voci si svelano, piano piano, i caratteri, le fragilità, le loro evoluzioni.

Il lago, altro protagonista muto ma ben presente, ha il potere di facilitare le riflessioni sulle scelte di vita. La piacevole solitudine che induce a coltivare sulle sue sponde, sembra abbia la magica funzione di fare chiarezza nei pensieri.

La trama non è scontata perché arricchita da scorci sulla vita dei ragazzi in comunità e da un finale thrilling.

Quello che ancora non sai di me” è un libro ben scritto, molto piacevole, una lettura perfetta per passare qualche ora di serenità.

La scheda libro

Quello che ancora non sai di me

di Virginia Bramati

Giunti

Quello che ancora non sai di me