Social? “Smetto quando voglio”. Ecco la dieta detox di Riccardo Pozzoli!

La primavera è la stagione giusta per disintossicarsi. Anche dai social. Bastano 21 giorni, se non per smettere almeno per iniziarne un nuovo uso, più consapevole. Perché 21 giorni? Perchè è dimostrato che servono 21 giorni per trasformare un comportamento virtuoso in una buona abitudine. Come? Seguendo i consigli che Riccardo Pozzoli ha raccolto nel suo ultimo libro “Smetto quando voglio (ma anche no)“.

Partendo dalle nostre debolezze che sono, spesso, il motore che ci spinge all'(ab)uso dei social, l’autore suggerisce di riflettere su un tema al giorno per 21 giorni: dall’utilizzo da parte dei giovanissimi col rischio bullismo, all’odio sempre più diffuso in rete (l’ira è l’emozione prevalente sui social!); dalla privacy compromessa per sempre, all’ostentazione anche, e soprattutto, di ciò che non siamo.

“I social ci consentono di presentarci come vogliamo, di editare noi stessi e la nostra realtà, e ciò significa che possiamo cancellare e ritoccare tutto a nostro piacimento”.

Attraverso la “dieta detox” suggerita dall’autore possiamo guardare con occhi diversi le azioni che compiamo ogni giorno sui social. Alessandro Pozzoli è un pioniere, un grande esperto nonché un professionista del settore e, proprio per questo, riesce a offrirci uno sguardo da utilizzatore consapevole che spesso noi non abbiamo. Il rischio di farci prendere la mano, di sprecare il nostro tempo, di appiattire il nostro pensiero è troppo alto.

“E’ necessario che il nostro senso critico evolva di pari passo con le tecnologie”

Grandi però, sono le opportunità che i social offrono, si pensi alle campagne per i diritti civili, o alle denunce di ingiustizie o, ancora, alla diffusione di stili di vita più salutari.

“Se i social vengono usati in modo responsabile non solo non fanno danni, ma possono fare la differenza”.

Ecco, la scelta è solo nostra. Questo libro ci dice proprio questo: dobbiamo essere noi a decidere come usare i social e non permettere ai social di decidere come disporre del nostro tempo, del nostro pensiero e della nostra vita.

P.S. Il libro ha anche una finalità benefica: l’autore devolverà il proprio ricavato derivante dalla vendita al progetto Unicef NextGeneration Italia.

La scheda libro

Smetto quando voglio (ma anche no)

di Riccardo Pozzoli

DeA Planeta Libri

Smetto quando voglio