Stjepan detto Jesus, il figlio. Il romanzo dei bambini che vengono al mondo per salvarlo e per salvare i loro genitori

Si chiama Stjepan ma tutti lo chiamano Jesus perché vede la luce la notte di un 25 dicembre in un convento di suore; ha 9 anni ed è protagonista e voce narrante dell’ultimo romanzo di Maria Rita ParsiStjepan detto Jesus, il figlio“.

Stjepan, appena nato, viene abbandonato dalla madre nelle braccia della bisnonna Anja: troppo è il dolore per questo figlio nato a seguito di uno stupro subito da un soldato serbo durante la guerra dei Balcani.

Ma Stjepan non ha nessuna intenzione di subire decisioni che non condivide.

“Io questa storia della diversità e delle guerre tra razze e religioni non l’ho mai capita anche se, sin da bambino, mi sono sentito ripetere che io sono nato proprio per quelle”.

Stjepan ha un cane Tasko, una tartaruga Tika e un amico immaginario (il suo angelo?) Gabriele. Forte di questi affetti e della sua inseparabile macchina fotografica, a soli 9 anni, spinto dalla bisnonna morente, parte alla ricerca della madre. Determinazione e coraggio lo accompagneranno in un viaggio sottolineato da tanti click, ovvero dai suoi scatti fotografici a momenti e persone da non dimenticare.

Ne passerà tante, Stjepan, durante questo lungo percorso di avvicinamento a una madre che sembra allontanarsi ogni volta che il piccolo intravede la speranza di abbracciarla.

Soffriamo con lui, tanto, ci sentiamo frustrati e vorremmo aiutarlo, ma quello che, in fondo, ci fa più paura è la reazione che potrebbe avere la madre una volta trovatasi di fronte a quel figlio rifiutato.

Eppure io non credo di meritare tutto questo dolore, tutta questa fatica, tutta questa paura! Io non merito di essere stato abbandonato da chi mi ha messo al mondo.

La determinazione di Stjepan raggiungerà anche il padre con un ragionamento adulto, maturo, soprendente.

Non si può, con la violenza, seminare la vita senza pensare che poi la vita non si incaricherà di presentarti il conto di quel che hai fatto.

Ottimo, questo romanzo sia per il lettore agée che può tornare con la mente al genocidio dei bosniaci musulmani e agli stupri come arma di distruzione di massa, sia per il lettore più giovane che potrà conoscere un brutto capitolo della storia dell’umanità che nessuno deve dimenticare.

Stupendo Stjepan: la sua voce così semplice eppure così potente, equilibrata e giusta, si scava un posto nel nostro cuore insegnandoci che un figlio può essere davvero l’evoluzione del pensiero e delle azioni dei suoi genitori.

La scheda libro

Stjepan detto Jesus, il figlio. Il romanzo dei bambini che vengono al mondo per salvarlo e per salvare i loro genitori

di Maria Rita Parsi

Salani

Stjepan detto Jesus