Una calda tazza di caffè americano

 

caffè

Si può scrivere un romanzo dieci minuti al giorno? Stefania Convalle ha dimostrato che si può. Il suo libro tecnicamente è un diario, il diario di una persona smarrita che, dieci minuti al giorno, quasi come terapia, traduce i suoi pensieri in scrittura. Quante e quanti di noi l’hanno fatto? Di solito però dopo un po’ molliamo il colpo magari perchè nel frattempo abbiamo risolto il problema ma soprattutto perché scrivere non è da tutti né da’ a tutti le stesse soddisfazioni. Invece ecco, nel momento in cui pensi che il libro di Stefania sia una terapeutica raccolta di pensieri, senza accorgertene sei già dentro a una storia perchè i pensieri, col passare dei giorni e delle pagine, si intrecciano in una trama, ci fanno conoscere personaggi protagonisti e comprimari, ci fanno vivere colpi di scena. Perché “la vita è strana con le sue geometrie e quindi non si può mai sapere cosa accadrà”.

Rispondi